Negli anni ’60 qualcosa nella rigida Inghilterra stave cambiando per sempre. Colletti inamidati, gonne lunghe e camicie abbottonate di ragazzi che corrono alle loro radio o baracchini (come li chiamava mio padre) per rintracciare la frequenza della radio pirata che trasmetteva rock e pop all day long!


La musica è proprio il nucleo centrale di “I love radio rock” con una colonna sonora strepitosa attraverso cui Curtis ricostruisce un secondo filo narrativo. Esilarante, calzante, mai banale “I Love Radio rock” è una commedia perfetta che fa riflettere senza mai perdere ironia e humour.
Non potrete non amare Gavin, sfrontato, assurdo e borderline.


Fotografia psichedelica di Cohen, ma sono i costumi ad essere davvero strepitosi a cura di Joanna Johnston.
Immergetevi nel rock ‘n’ roll e nella commovente storia di un adolescente alla ricerca di se stesso e delle sue radici, mentre anche il mondo rivoluziona se stesso attraverso la musica e una maggiore libertà di costumi. La storia del singolo e di una generazione. Salite sulla nave più folle che c’è!

Voto